Logo Creative Society SOCIETÀ
CREATIVA

Prof. Robert Kennedy

Dottorato in Scienze Politiche, Presidente dell’Consiglio di Atlanta per le Relazioni Internazionali, Professore Emerito di affari Internazionali presso la Sam Nunn School del Georgia Institute of Technology (USA)

Prof. Robert Kennedy

Speaker Biografia

Prof. Robert Kennedy. USA

Dottorato in Scienze Politiche, Presidente dell’ Consiglio di Atlanta per le Relazioni Internazionali, Professore Emerito di affari Internazionali presso la Sam Nunn School del Georgia Institute of Technology

Il professor Kennedy ha ricevuto il Premio per essersi Distinto nel Servizio Civile  dal   Capo dello Stato Maggiore Congiunto delle forze armate  Statunitensi ,   un   Dottorato ad honorem   dal Collegio di Difesa Nazionale Bulgaro  e  il premio per i Servizi alla Società:  “ Albert Nelson Marchese” .

Il professor Kennedy ha collaborato con il   Comitato Esecutivo Congiunto dei capi di stato maggiore per l'accreditamento dell'istruzione militare , come Ricercatore Associato presso il Consiglio Atlantico degli Stati Uniti e come redattore capo dei documenti di Atlanta. Ha tenuto conferenze e  pubblicato numerosi articoli , ed è stato consulente in materia di sicurezza e difesa  internazionale.

Relazione

Vorrei ringraziare gli organizzatori per avermi invitato a parlare.

È un onore e un privilegio unirsi a un gruppo così distinto di persone e affrontare un argomento così importante.

Signore e signori. Oggi viviamo in tempi traumatici. Ci troviamo di fronte a sfide che in un modo o nell'altro colpiscono    e continueranno a colpire  ognuno di noi, le nostre famiglie, i nostri amici e le generazioni successive, in modo significativo, dirompente e spesso pericoloso. Sfortunatamente, fino ad oggi, le nostre risposte sono state caratterizzate da negazione, confusione, dissenso e ritardo, spesso guidate dall'ignoranza o dall'avidità o da programmi nazionali in contrasto con le più ampie esigenze dei  cittadini e della più grande comunità internazionale. 

Per citare  alcune sfide,  brevemente nel poco  tempo che ho  a mia disposizione: 

1. Cambiamento climatico. Tutti, coloro che non nascondono  la testa sotto la sabbia, sono consapevoli del cambiamento climatico.

Sì, il cambiamento climatico è reale. Campioni di carote di ghiaccio e misurazioni  dirette più recenti, rilevano che a volte il clima della Terra è stato più caldo, così come più freddo di oggi.

*Tuttavia, gli scienziati sono ora seriamente preoccupati che l'attività umana stia avendo un impatto drammatico e pericoloso sul clima della Terra. Tutti avete sentito le cause:  la combustione dei combustibili fossili, il crescente rilascio di gas metano, il taglio delle foreste, e così via.

Sfortunatamente, il problema non è solo ambientale, è anche economico, sociale e politico.

Temperature più alte, eventi  meteorologici  devastanti , più tornado, uragani, tifoni, innalzamento del livello del mare, prosciugamento dei laghi, colpiranno miliardi di persone.

Le emissioni pericolose influenzano già la salute individuale, l'innalzamento dei mari provocherà migrazioni di massa, l'aumento delle temperature condizionerà  quali colture potranno  essere coltivate e dove, con conseguenti carestie e migrazioni di massa.

Il cambiamento climatico è un problema politico, perché per risolvere la crisi, le nazioni dovranno prendere decisioni, che spesso saranno molto controverse  a livello nazionale e internazionale. Forse più significativamente, il mancato rispetto dei criteri nell'affrontare la sfida del cambiamento climatico comporterà inevitabilmente un aumento dell'attrito e del conflitto tra i popoli e le nazioni.

2° la continua proliferazione delle armi di distruzione di massa

 Nonostante i trattati internazionali che limitano tali armi, diversi stati che rimangono al di fuori di questi trattati , hanno o stanno costruendo armi nucleari e altre armi di distruzione di massa, ed è noto che  gruppi terroristici cercano  materiali fissili e altri componenti necessari per la produzione di tali armi.

La prospettiva  di un uso deliberato di tali armi o il risultato di crescenti  tensioni o di errori di valutazione, sono un pericolo reale e presente, che potrebbe causare perdite massicce ed effetti a lungo termine sul pianeta che non possono essere facilmente misurati.

3° Intelligenza Artificiale. I problemi associati all'emergere dell'intelligenza artificiale stanno manifestandosi solo ora. Sono sicuro che oggi  ne sentirete parlare molto di più .

 Tuttavia, come molti di voi sanno, includono come minimo:

- La perdita di posti di lavoro. Inoltre,  le macchine non solo producono ciò che è necessario, ma decidono anche come e cosa deve essere prodotto e quando.

- Il problema della sicurezza: il robot può diventare pericoloso.

- Il problema della fiducia: l'intelligenza artificiale può raggiungere livelli cognitivi pari o superiori a quelli degli esseri umani e, in tal caso, ci si può fidare che facciano la cosa giusta, moralmente ed  eticamente?

 Infine, la disuguaglianza di reddito, sia all'interno che tra le nazioni,

*Solo 8 persone ora possiedono la stessa ricchezza di 3,6 miliardi di persone : quasi la metà della ricchezza  di tutti gli esseri umani!

    All'interno delle nazioni la disparità di ricchezze può essere netta, con i ricchi che diventano sempre più ricchi, mentre i redditi di altre persone  restano fermi.

Il problema è molto più grave a livello globale. Per esempio, il reddito pro capite misurato in PPP nel 2020 dal Fondo Monetario Internazionale  è per il  Lussemburgo che è in cima alla lista  di   118.000 dollari, e per il  Burundi che è in fondo alla lista, di circa 760 dollari .

Per molti versi queste sfide sono senza precedenti. Tuttavia, oggi ci si presenta anche un'opportunità unica. Mai prima d'ora nella storia dell'umanità siamo stati più legati gli uni agli altri. L'aereo, internet, lo smartphone hanno quasi eliminato le barriere del tempo e della distanza. Possiamo chattare con qualcuno dall'altra parte del mondo semplicemente componendo il suo numero o accedendo a Zoom. Possiamo conoscere altri popoli, altre culture, altre religioni, semplicemente scrivendo qualche parola sul nostro computer.   Abbiamo Facetime, Facebook, Twitter e così via…e  ulteriori mezzi di comunicazione.

Eppure niente di tutto questo può avere importanza.

Finché noi, come persone e nazioni, continueremo a perseguire i nostri desideri e interessi personali senza considerare gli interessi e i bisogni della comunità più grande, non saremo in grado di affrontare queste sfide e questo comporta  soccombere alle loro conseguenze. Finché le nazioni si concentreranno solo sul proprio interesse interno (alcuni lo chiamano nazionalismo), senza considerare gli interessi degli altri, l'umanità non sarà in grado di affrontare con successo le sfide sempre più pericolose che ci attendono. Le conseguenze di un tale fallimento saranno terribili in termini di perdita di vite umane e di tesori nazionali, e di povertà.

Per citare il nobile Cassio nel Giulio Cesare di Shakespeare:

"La colpa, caro Bruto, non è nelle nostre stelle, ma in noi stessi.... “

La domanda che dobbiamo porci è quindi: possiamo superare le nostre differenze e lavorare insieme come popoli e nazioni? Il mondo non cambierà da solo!  Sta a noi agire.  I punti di vista diversi rimarranno una caratteristica permanente del paesaggio nazionale e internazionale. Infatti, punti di vista diversi sono una caratteristica naturale dell'esistenza umana. Nascono da fattori come la cultura, le tradizioni, le credenze, le esperienze, persino la lingua. Sì, le differenze possono dividere, ma non è necessario. Le differenze possono essere la fonte di un pensiero creativo proveniente da modi di pensare diversi. E per affrontare le sfide che ci attendono dobbiamo lavorare insieme e pensare in modo creativo.

Dobbiamo andare oltre la stretta definizione di interesse personale individuale e nazionale e pensare in modo creativo a come risolvere i problemi urgenti che minacciano il nostro futuro e il futuro del pianeta.

È possibile? Credo di sì.   

Tuttavia, questo  richiederà una leadership,  una nuova generazione  di guide, uomini e donne di ogni credo, razza, etnia, orientamento sessuale e così via che siano pronti ad ascoltare prima di parlare, ad impegnarsi nel dialogo, ad acquisire le conoscenze necessarie. Leader che mettano gli altri prima di se stessi; leader che lottino per il bene maggiore; leader che cerchino di capire e analizzare veramente prima di decidere, che abbiano il coraggio morale di fare ciò che è giusto e non ciò che è conveniente, che abbiano l'umiltà di riconoscere che non hanno sempre ragione, e l'integrità di impegnarsi servizievolmente a dire la verità. Non sto parlando di qualcuno che nessuno di noi conosce. Sto parlando di voi e di me. Dobbiamo contrassegnare oggi, come il giorno in cui abbiamo deciso di agire per il bene superiore dell'umanità ed esigere che i leader delle nostre nazioni facciano lo stesso. Solo allora saremo in grado di affrontare le sfide difficili che ci attendono.

Di nuovo, grazie per avermi invitato a parlare.